Logo Comune di Pace del Mela
Comune di 
Pace del Mela
Città Metropolitana di Messina 

COVID19 – Ampliamento o nuova occupazione di suolo pubblico delle imprese

A V V I S O

Ampliamento o nuova occupazione di suolo pubblico delle imprese di pubblico esercizio al fine di assicurare il distanziamento sociale determinato dall’emergenza epidemiologica COVID-19

Considerato che:
a seguito dell’emergenza epidemiologica COVID-19 sono state sospese le attività di somministrazione di alimenti e bevande (bar, caffè, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie ed esercizi similari);

la riapertura dal 18 Maggio 2020 prevede il rispetto del distanziamento previsto dalla normativa vigente e conseguentemente una minor capienza di avventori negli spazi connesse all’attività;

anche le altre attività economiche, comprese quelle che sono rimaste aperte nel periodo di “confinamento”, devono rispettare le norme distanziamento sociale con conseguente limitazione del numero dei clienti;

è interesse preminente dell’Amministrazione Comunale che dette attività possano essere messe fin da subito in grado di svolgere la propria attività, nel rispetto delle idonee prescrizioni adottate in materia di distanziamento sociale, contemperando l’interesse pubblico alla tutela della salute e dell’iniziativa economica privata.

Per le considerazioni sopra esposte è prevista la seguente agevolazione:
Esonero parziale dal pagamento della Tosap da parte delle imprese di pubblico esercizio di cui all’art. 5 della legge n. 287/1991, titolari di concessioni o di autorizzazione concernenti l’utilizzo di suolo pubblico, per il periodo che decorre dal 1° maggio al 31 ottobre 2020.

A tal fine, si ricorda che rientrano nell’ambito di applicazione dell’art. 5 della legge n. 287/1991:
a) gli esercizi di ristorazione, per la somministrazione di pasti e di bevande, comprese quelle aventi un contenuto alcoolico superiore al 21 per cento del volume, e di latte (ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie, birrerie ed esercizi similari);
b) gli esercizi per la somministrazione di bevande, comprese quelle alcooliche di qualsiasi gradazione, nonché di latte, di dolciumi, compresi i generi di pasticceria e gelateria, e di prodotti di gastronomia (bar, caffè, gelaterie, pasticcerie ed esercizi similari);
c) gli esercizi di cui alle lettere a) e b), in cui la somministrazione di alimenti e di bevande viene effettuata congiuntamente ad attività di trattenimento e svago, in sale da ballo, sale da gioco, locali notturni, stabilimenti balneari ed esercizi similari;
d) gli esercizi di cui alla lettera b), nei quali è esclusa la somministrazione di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione.
L’esonero trova applicazione anche con riferimento alle nuove concessioni per l’occupazione di suolo pubblico oltre che all’ampliamento delle superfici già concesse, presentate dal 1° maggio al 31 ottobre.
Requisiti:
gli spazi proposti dovranno essere adiacenti ai locali;
l’occupazione non ricada su stalli di sosta destinati a residenti, disabili e carico/scarico merci;
la richiesta di ampliamento per i pubblici esercizi dovrà essere finalizzata al recupero dei posti tavoli (o coperti) venuti meno per effetto delle regole sul distanziamento sociale e verrà valutata tenendo conto della misura degli spazi già a disposizione e di quelli già concessi su suolo pubblico;
le richieste dovranno riferirsi esclusivamente alle attrezzature necessarie ad assicurare il distanziamento degli utenti degli esercizi, quali tavoli, sedie, piccoli ombrelloni ecc. e verranno comunque valutate caso per caso.

Dovrà essere assicurato il rispetto:
delle specifiche prescrizioni in materia di distanziamento sociale nell’attuale situazione di emergenza sanitaria, anche in riferimento al numero e al posizionamento degli arredi (tavoli e sedie);
delle condizioni di sicurezza per le persone e di igiene nell’esercizio della somministrazione di alimenti e bevande;
delle disposizioni del C.d.S. in merito alle aree di pubblico passaggio, con particolare riferimento alla sicurezza della circolazione pedonale e veicolare ed alla necessità di transito dei mezzi di soccorso;
dei diritti di terzi, ed in particolar modo la possibilità di accesso da parte dei residenti alle loro abitazioni mantenendo libera l’area antistante la porta di ingresso;
delle vicine attività economiche, il cui fronte di esercizio e la porta d’accesso devono risultare sempre liberi;
degli altri concessionari di suolo pubblico nella medesima area interessata.
Il richiedente dovrà garantire che:
gli arredi proposti siano facilmente amovibili (dehors, elementi di arredo urbano, attrezzature, pedane, tavolini sedute ed ombrelloni);
venga rispettata la normativa sull’inquinamento acustico “rumore”;
l’occupazione non si protragga oltre il 31 Ottobre 2020 termine entro il quale le strutture devono essere rimosse.
Lo spazio pubblico concesso potrà essere oggetto di revoca o modifica, ad insindacabile giudizio dell’Amministrazione Comunale, qualora si ravvisino motivi di sicurezza, decoro e civile convivenza.
Modalità e tempi di richiesta
La richiesta potrà essere presentata in via telematica da inviare al protocollo comunale a mezzo PEC (protocollo@pec.comune.pacedelmela.me.it) utilizzando lo specifico modulo allegato corredato di planimetria della nuova occupazione o dell’ampliamento.
Le domande presentate saranno considerate valide ai fini del presente avviso, solo se complete o sufficienti per l’espletamento della relativa istruttoria, diversamente l’Ufficio provvederà a contattare il richiedente per l’integrazione o la ritrasmissione della pratica.

Pace del Mela, 03 Giugno 2020

IL SINDACO
F.to Rag. La Malfa Mario

SCARICA L’ALLEGATO MODELLO DI ISTANZA

 

 

Allegati

  • docx modello
    Dimensione file: 20 KB Downloads: 32
Top